Comuni aderenti al Patto Area Berica

Comune di Grancona
Sup. kmq 12,31- alt. 150 m slm – abitanti 1600 (nel 2001) – Distanza dal Capoluogo (Vicenza) Km. 22

Logo Comune di Grancona

Logo Comune di Grancona

Territorio
Adagiato tra il fondo e i colli circostanti, all’estremità settentrionale della Val Liona,

il territorio di Grancona conserva una natura ancora rigogliosa e testimonianze di
una presenza secolare dell’uomo.
La pietra dei colli lavorata dalle sapienti mani degli artigiani, i mulini ancora oggi
funzionanti lungo il corso del torrente Liona.
Grancona è molto altro ancora. Natura, storia, arte e gastronomia unite nella
meravigliosa cornice dei colli berici vicentini.


Cenni storici

Grancona, posta “sulle sommità de’ monti” e che “fu castello fortissimo”, domina la parte superiore della Val Liona laddove il fiume originato dai torrenti e dalle sorgenti che confluiscono in località Acque “per oscuri antri, pertugiandoli, spiccia fuor ne’ campi”. La rapidità e l’abbondanza delle acque hanno dato origine nei tempi andati a una fitta concentrazione di mulini. Anche qui nel Medioevo sorgeva un castello vescovile, posto a difesa del territorio e nominato fin dall’anno 1000.
Con ogni probabilità esso risale al X° secolo, periodo in cui venne allestito un sistema di fortificazioni allo scopo di proteggere le popolazioni dalle scorrerie degli Ungari e sembra consistesse originariamente nell’incastellamento della chiesa.
Nel 1209 vi si rifugiarono i vicentini della fazione guelfa per organizzare il contrattacco contro Ezzelino III il Monaco il quale aveva gravemente sconfitto i suoi avversari.
Localizzato il rifugio del partito avverso, Ezzelino cinse d’assedio il castello di Grancona e, espugnatolo, lo distrusse.
All’interno del castello di Grancona, da epoca immemorabile, doveva sorgere la Parrocchiale di San Pietro. Ricostruita nel 1530, subì ulteriori restauri fra il 1873 e il 1885 mentre negli anni 1929-1931 fu arricchita di nuo-vi altari.
E’ probabile che per ricostruirla siano state utilizzate le rovine del castello, di cui permane evidente l’impronta.


Economia
L’agricoltura, su cui è imperniata l’economia locale, offre come risorse principali i prodotti della cerealicoltura, dell’orticoltura e degli allevamenti di bestiame.

L’altra attività di rilievo è quella industriale, che opera con alcuni calzaturifici e stabilimenti per la lavorazione del legno.
Circa il 20% della manodopera locale trova lavoro fuori Comune.


Manifestazioni
Pasquetta

Festa dell’Angelo

10/11 Febbraio
Festa di S. Apollonia

Ultima Domenica di Agosto
Triduo di Grancona


Numeri utili

MUNICIPIO

Piazza Marconi 1
I-36040 Grancona (VI)

Centralino:
tel. 0444 889522 / 0444 889989
fax 0444 889469

Ufficio Postale:
Via Pederiva
tel. 0444 889525

Biblioteca Civica:
Via Ferrignolo
tel. 0444 889752

Pro Val Liona:
Piazza del Donatore 10
Spiazzo di Grancona
tel. / fax 0444 889215
e-mail: valliona@libero.it